Close

This is the Italia website. Choose another country?

Globe U.S.A. >

Other countries >

Profilo di Peach

L'amministratore delegato Simon Cox presenta il nostro progetto di rebranding globale

Siamo lieti di presentare Peach.

Il settore pubblicitario è in rapida trasformazione. Nella nostra incarnazione precedente, IMD e Honeycomb, ci siamo distinti nella realizzazione di soluzioni pionieristiche per il settore televisivo, ma da tempo curavamo anche la distribuzione di spot per i media digitali. Con l'espansione del panorama dei media digitali, abbiamo sviluppato una tecnologia adatta a rispondere alle nuove possibilità che essi offrivano. 

La nostra nuova identità suggella questo mutamento. Peach non si limita a sviluppare progetti destinati alla TV lineare o a diffondere spot pubblicitari rispettando le tempistiche e le specifiche previste. Il raggio d'azione di Peach è molto più ampio. È indipendente dai media e dai formati e sviluppa gli strumenti ricercati dal settore per potenziare la creatività nell'intero ecosistema lineare e digitale, che si tratti di un singolo annuncio su YouTube o di una complessa campagna multischermo destinata a una platea internazionale.

In breve, Peach favorisce la creatività.

Come? L'obiettivo è quello di liberare il potenziale creativo del settore: individuare i momenti in cui l'energia va sprecata e i fattori che impediscono di sfruttare pienamente le nuove opportunità. La nostra tecnologia smussa le criticità, consentendo ai clienti di cogliere le enormi opportunità del nuovo ecosistema degli spot pubblicitari.

Siamo stati pionieri nello snellire i flussi di lavoro delle campagne pubblicitarie, dai brief alla messa in onda televisiva. All'inizio si è trattato di un mutamento radicale, ma ora è il nostro pane quotidiano:  la distribuzione degli spot pubblicitari ormai avviene così. Per contro, è curioso constatare che, nel mondo della pubblicità digitale, benché i consumatori possano spesso contare su esperienze digitali ottimali su schermo, il processo dietro le quinte non è affatto integrato.    

Parlando con i clienti, è apparso chiaro che vi sono problematiche rilevanti da affrontare. Una recente ricerca* da noi commissionata ha rivelato che nel processo di sviluppo della pubblicità digitale ci si imbatte in una serie di fastidi. Ecco alcune aree per le quali sarebbe auspicabile la ricerca di una soluzione migliore:

  1. Un problema di primaria importanza è l'individuazione degli spot corretti da caricare sulle piattaforme o da  mandare alle concessionarie. Due terzi degli intervistati concordano sul fatto che individuare le versioni da inviare è un processo "lento e complesso" e "soggetto a errori". Ciò significa che si perde tempo a individuare i contenuti adatti, i quali a volte non sono comunque quelli corretti: la conseguenza è che le campagne partono in ritardo.
  2. Quasi tutti gli operatori del settore che abbiamo intervistato regolarmente hanno avuto problemi nell'invio o nella ricezione di file e tag, ad esempio a causa di errori delle specifiche tecniche. Nel sondaggio hanno confermato che ciò determina ritardi della partenza della campagna. Circa l'80% degli operatori che inviano elevati volumi di spot afferma che questi ritardi hanno un costo diretto per i media o un costo connesso al lavoro dei creativi.  

Organizzando e automatizzando i processi e incrementando la copertura su tutte le piattaforme, Peach agevola il lavoro degli operatori nel settore. Il nostro nuovo brand è un pioniere nel nuovo panorama dei media e la nostra piattaforma è in continua evoluzione e contribuisce a individuare, formattare e distribuire contenuti pubblicitari digitali e per la TV lineare senza fastidi.

Il nostro nuovo nome è il capitolo successivo di una storia di evoluzione e crescita.

Benvenuti in Peach.

Simon Cox

26 marzo 2019


*Abbiamo condotto un sondaggio intervistando figure chiave di agenzie pubblicitarie in 4 delle 6 principali holding pubblicitarie, che rappresentano oltre la metà del fatturato medio europeo in Europa, oltre a più di 30 agenzie indipendenti.

Tom Bowman, CoLab 1° marzo 2019

Per leggere il rapporto completo di CoLab Consulting, un ente di ricerca indipendente, scrivere all’indirizzo peach@hellolaunch.co.uk.

26 marzo 2019

By Simon Cox